Cassina dice SI, nasce il Comitato cassinese per il SI al Referendum d’Ottobre

Da qualche settimana è nwebcard-web4ato a Cassina de Pecchi il Comitato “Cassina dice SI” che si propone di informare la cittadinanza sui contenuti della Riforma Costituzionale (http://www.camera.it/leg17/465?tema=riforme_costituzionali_ed_elettorali)  approvata a metà Aprile dal Parlamento italiano e di promuovere le buone ragioni del SI al referendum confermativo di Ottobre. Il Comitato “Cassina dice SI” si incontra tutti i Giovedì sera presso gli spazi della Cooperativa “La Speranza” di Via Roma 81: gli incontri sono aperti alla partecipazione di tutti i cittadini e in programma da qui ai prossimi 5 mesi di Campagna Elettorale una serie di appuntamenti pubblici.

A partire dai prossimi 3 e 4 Giugno per tutti i Venerdì e Sabato di Giugno il Comitato organizza momenti di incontro e confronto con i cassinesi nelle piazze cittadine del Mercato del Venerdì e in Via Milano con presidi informativi. In questa fase il Comitato è impegnato nella raccolta firme per “promuovere le ragioni del SI al Referendum d’Ottobre”  (www.bastaunsi.it), quali il taglio ai costi della politica; la diminuzione del numero dei Parlamentari; il dimezzamento dei tempi e degli iter di approvazione delle Leggi della Repubblica italiana. Fino al 27 Giungo 2016 tutti i cittadini maggiorenni e residenti nel nostro Comune potranno firmare ai nostri presidi e da Mercoledi 1 Giungo scorso è possibile firmare anche presso l’Ufficio Segreteria al Primo Piano del Comune di Cassina de Pecchi negli orari di apertura al pubblico: Lunedi e Mercoledì dalle 8.45 alle 12.15 e dalle 16:30 alle 18:00; Martedì, Giovedì, Venerdì dalle 8:45 alle 12:15.

Il Comitato, presieduto da Giovanni Mele, sta organizzando per il prossimo 17 Giungo alle 21.00 in Aula Consiliare un appuntamento pubblico alla presenza di  Daniela Gasparini, Deputato e membro della Commissione Affari Costituzionali edi Fabio Pizzul, Consigliere Regionale del Partito Democratico: con loro capiremo come cambia la Costituzione e cosa sarà il nuovo Senato delle Autonomie.

Il Partito Democratico di Cassina de Pecchi sostiene le ragioni del SI ed è parte organica del Comitato “Cassina dice SI”. Intanto invitiamo tutti i lettori e i nostri simpatizzanti a partecipare ai momenti di incontro del Giovedì sera, ai presidi del venerdì e del Sabato e a porci quesiti o commenti all’indirizzo di posta elettronica: pd.cassina.sanatagata@gmail.com: porteremo le vostre domande, i vostri dubbi e perché no le vostre critiche ai nostri rappresentanti in Parlamento.

Andrea Parma

Cambia la Costituzione, cambia l’Italia. Capiamone di più insieme

La Camera a metà Aprile ha approvato in via definitiva il cosiddetto “Ddl Boschi” ovvero la Riforma Costituzionale.
Una Riforma che cambia l’organizzazione dello Stato e dei suoi organismi rappresentativi. Una Riforma attesa e voluta dallo stesso arco parlamentare, condivisa anche in un primo momento e che ha concluso però il suo iter con il sesto ed ultimo voto della sola maggiorancostituzioneza.

Ad Ottobre la Riforma passerà al vaglio del giudizio degli italiani attraverso un Referendum confermativo.
Senza preconcetti e posizioni precostituite il Partito Democratico di Cassina de Pecchi vuole capirne di più, vuole studiare e approfondire tutti gli aspetti della Riforma e lo vuole fare non chiudendosi nelle segrete stanze ma aprendo alla cittadinanza. 
Per essere pronti e preparati  all’appuntamento elettorale dell’autunno prossimo, abbiamo pensato di organizzare una road map definita da qui al mese di Ottobre per permettere a tutti i cittadini di conoscere i contenuti della Riforma, focalizzandoli e giudicandoli insieme.

Si parte Domenica prossima 8 Maggio dalle ore 10.00 e per tutte le Domeniche mattina caratterizzando l’appuntamento della “Domenica al Circolo” come momento di analisi e confronto aperto con la Città. 
Nel corso delle Domeniche inviteremo esperti della materia e i Parlamentari del Pd eletti nella nostra Zona che ci aiuteranno a capire come cambia e cosa cambia della nostra Costituzione. 
Ci proponiamo di essere pronti per il mese di Settembre quando organizzeremo un momento pubblico di confronto in forma di Assemblea.

Invitiamo tutti la Domenica mattina a partire dalle ore 10.00 presso la nostra Sezione sita negli spazi della Cooperativa “La Speranza” di Via Roma 81.

Andrea Parma

Uniti per Cassina fa dimettere due Consiglieri Comunali: gran confusione nel centrodestra

A meno di un mese dall’uscita di Emilio Calabretta dal “Movimento Civico Cassina Sant’Agata” (di cui vi abbiamo rendicontato qui http://www.pdcassina.it/scissione-nel-movimento-civico/) le opposizioni in Consiglio Comunale perdono due loro rappresentanti che hanno presentato le loro dimissioni formali in data 19/04/2016.
I due Consiglieri dimissionari sono Fabrizio Dicostanzo e Chiara Ferrante entrambi eletti nella lista di centrodestra “Uniti per Cassina” che conta tre Consiglieri Comunali (Dicostanzo e Ferrante appunto fino a 4 giorni fa) e Andrea Maggio, Capogruppo e candidato Sindaco nel 2014 per quella lista.
La notizia è arrivata improvvisamente, nel pomeriggio di Martedì scorso e al momento non ne conosciamo le motivazioni (le due lettere ovviamente non sono certo di dominio pubblico). Quel che conosciamo è lo stringato “comunicato” emesso dal Capogruppo Maggio per mezzo mail in cui da la notizia delle dimissioni usando a corredo le solite parole di circostanza. La notizia naturalmente farà discutere l’opinione pubblica e nei prossimi giorni avremo anche modo, ci auguriamo, di avere a disposizione maggiori dettagli.
Questo fatto, intanto, per come è avvenuto, ci lascia perplessi e ci lascia più che qualche dubbio. Innanzitutto le motivazioni. Maggio comunica, nella sua missiva, che la scelta operata è condivisa nel suo gruppo politico e nasce da una necessità di turnazione all’interno del gruppo stesso, prassi che ad esempio l’altra lista di minoranza, il “Movimento Civico”, fa già da inizio legislatura e lo fa avendolo comunicato a tutta la cittadinanza attraverso i media e attraverso i propri strumenti di comunicazione. Conoscendo Maggio (e i suoi metodi) che sono tutto fuorché avulsi dall’utilizzo dei social, ci lascia perplessi (e molto) la non “preparazione” mediatica di questo passaggio che al di la di come lo si legga è alquanto rilevante sullo scenario politico locale. Altro aspetto importante che stimola i nostri dubbi e che getta ancora più confusione in tutta questa vicenda è il gran movimento che sembra si stia sviluppando esponenzialmente nell’ambito delle forze politiche che si oppongono al centrosinistra oggi al governo del Paese. Le dimissioni di Calabretta dal MC e la costituzione di un nuovo gruppo in Consiglio Comunale, sono state il primo atto a destare stupore e incomprensione. Nonostante gli articoli di giornale e la parole usate del Consigliere Calabretta, parole usate sui media e ripetute durante l’ultimo Consiglio Comunale del 31 Marzo scorso, a due settimane di distanza, ancora non abbiamo capito le motivazioni che hanno accompagnato questa scelta. Non solo. Da qualche tempo in Paese circolano voci della costruzione di un presunto nuovo progetto politico che metterebbe insieme nomi noti della politica locale di diversa estrazione e provenienza: insomma, lo scenario fuori dal centrosinistra sembra essere in gran fermento.

Ancora pochi gli elementi noti, ma alcune considerazioni le possiamo pure fare. Intanto la poca chiarezza e oltre al turnover legittimo, la poca correttezza rispetto agli impegni presi con l’elettorato. Sembrerebbe poi che nell’area del centrodestra si stiano riposizionando alcune pedine in vista di una riorganizzazione interna. Centrodestra che, nonostante la sovraesposizione mediatica, a quasi due anni e mezzo di legislatura, non è riuscito ancora ad imprimere un’azione efficace di contrasto alla maggioranza, tutt’altro. Mentre gli occhi sono tutti puntati su “Cassina Domani” e sulle sue divisioni interne (e lo sono ormai da inizio legislatura), ad andare alla deriva è qualcun’altro, che si divide, perde pezzi importanti, fa “dimettere” alcuni suoi Consiglieri. Se il centrodestra è in affanno e cerca “rimedio” con una mossa politica poco chiara, se il “Movimento Civico” dimezza i suoi rappresentanti in Consiglio Comunale, il centrosinistra rimane compatto, sopratutto dopo aver superato brillantemente la prova sul “Centro”.
In mezzo a questo gran movimento, di cui vi terremo informati, vi è oggi una sola certezza: Cassina Domani prosegue spedita la sua strada per il buon governo del Paese.
PS dopo la pubblicazione di questo articolo, avvenuta in data 20/04/2016 oggi 21/04/2016 ho ricevuto dal Consigliere Capogruppo Maggio le due lettere dei dimissionari che ho letto con molta attenzione. Le lettere confermano quanto sostenuto da Maggio nella sua mail: i Consiglieri si dimettono in rispetto del turnover. I dubbi, per noi, rimangono tutti.
Andrea Parma